Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Cipolla Ramata di Montoro

La Ramata

Varietà autoctona della zona della pianura del Montorese, comune di confine tra la provincia di Avellino e la provincia di Salerno (alto agro nocerino-sarnese, compresorio valle dell’irno), con inimitabili caratteristiche organolettiche, sapore dolce ed aromatico. In relazione al fotoperiodo di coltivazione, la cipolla ramata di Montoro, viene classificata come una varietà a giorno intermedio tardiva. Essa si semina fine estate inizio autunno e si raccoglie ad inizio estate dell’anno successivo. La semina inizia nel periodo del 10-15 settembre, mentre la raccolta raccolta il 10-15 giugno. La foma, a secondo della selezione che ogni singolo agricoltore attua, è tra il globoso a trottola ed il globoso tendente al piatto. Ben vestita con tuniche (catafilli) ben serrate di colore interno sfumato viola, ed esterno tipico ramato. Internamente è di colore bianco con leggere striature tipiche longitudinali, l’unione delle tuniche carnose, ben strette, di colore sfumato viola. Caratteristica importantissima è la lunga conservazione, infatti si raccoglie inizio estate 10-15 giugno e, tenuta in appositi locali di zona (Pagliaio), si conserva, naturalmente, fino a tutto marzo. La coltivazione in zona risale a tempi remoti. La selezione e la costituzione, è avvenuta grazie alla intraprendenza e laboriosità dei contadini della zona montorese. Oggi si adatta alle condizioni pedoclimatiche presenti in zona.

Coltivazione Ramata

Confezionamento cipolla ramata     Scatola Cipolla ramata

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player